CONVEGNI - CORSI - NEWSLETTER - LINK - ATTUALITA'
 

COMUNICAZIONI del PRESIDENTE

10 Maggio 2020

E’ mancato pochi giorni fa,dopo una rapida e grave malattia, il collega tedesco professor Karl Ulli Petry.

A nome di tutti i Soci mi stringo ai familiari in questo doloroso momento.

Il Presidente della S.I.C.P.C.V

Dr. M. Barbero

 

Allego la comunicazione ricevuta dal Dott. Pekka Nieminen, Presidente della  European Federation for Colposcopy

 

Dear Colposcopists and EFC members,

I have very sad news to tell you.  Our former President, Professor Ulli Petry has passed away few days ago after a rapid and serious illness.

Ulli was a dear friend to many, a true gentleman and a brilliant scientist. Ulli was a keystone for our society EFC and an inspiration for a generation of colposcopists, not just in his own Clinic in Wolfsburg or in Germany, but in the whole Europe. He made a huge contribution to colposcopy, science and above all to our European good relations and friendships.

We will miss Ulli and we remember him in silent mourning.

 

Pekka Nieminen
President, European Federation for Colposcopy

 


COMUNICAZIONI


COMUNICAZIONI del PRESIDENTE

24 aprile 2020


Buongiorno a tutti,


è sicuramente un periodo non facile ma spero che per lo meno dal punto di vista della salute siate tutti in ottima forma.


Ritengo che possa essere di grande utilità per noi tutti pubblicare questo report di Ciavattini e coll. sulla gestione del II livello dello screening in epoca COVID 19.


Sperando di poterci rivedere presto vi mando un grande abbraccio.


M. Barbero


Expert consensus from the Italian Society for Colposcopy and Cervico‐Vaginal Pathology (SICPCV) for colposcopy and outpatient surgery of the lower genital tract during the COVID‐19 pandemic


Authors


Andrea Ciavattini,  Giovanni Delli Carpini,  Luca Giannella,  Rosa De Vincenzo,  Antonio Frega,  Paolo Cattani  Fausto Boselli, Francesco Sopracordevole,  Maggiorino Barbero


First published:08 April 2020 - https://doi.org/10.1002/ijgo.13158


https://obgyn.onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.1002/ijgo.13158


Abstract


In the context of the COVID‐19 pandemic, patients need to be evaluated within 2–4 weeks in the following cases: cytology result of “squamous cell carcinoma,” “atypical glandular cells, favor neoplastic,” “endocervical adenocarcinoma in situ,” or “adenocarcinoma”; histopathological diagnosis of suspected invasion from cervical/vaginal biopsy, or invasive disease after a cervical excision procedure, vaginal excision, or vulvar biopsy/excision; sudden onset of strongly suggestive symptoms for malignancy. Digital imaging technologies represent an important opportunity during the COVID‐19 pandemic to share colposcopic images with reference centers, with the aim of avoiding any concentration of patients. All patients must undergo screening for COVID‐19 exposure and should wear a surgical mask. A high‐efficiency filter smoke evacuation system is mandatory to remove surgical smoke. Electrosurgical instruments should be set at the lowest possible power and not be used for long continuous periods to reduce the amount of surgical smoke. The following personal protective equipment should be used: sterile fluid‐repellant surgical gloves, an underlying pair of gloves, eye protection, FFP3 mask, surgical cap, and gown. The colposcope should be protected by a disposable transparent cover. A protective lens that must be disinfected after each use should be applied. The use of a video colposcope should be preferred.


1.     Introduction


The pandemic spread of novel coronavirus and its related COVID‐19 disease is radically changing the organization and structure of health systems around the world, with the need for urgent management of a massive influx of patients needing respiratory care, often in intensive settings. In the space of a few days, profound organizational changes have been adopted worldwide to optimize the resources of healthcare facilities.


In Italy, the Ministry of Health has indicated the need to postpone all non‐urgent surgical activities and outpatient services, performing only urgent cases or operations for oncological indications. However, as far as outpatient services are concerned, cases requiring evaluation within 3 days (urgent priority) or 10 days (short‐term priority) are considered “not postponable” and must still be guaranteed by the healthcare facilities.1 Similar measures have been taken in several countries, such as in the USA where the Centers for Disease Control and Prevention and the American College of Surgeons have issued recommendations to stop elective surgery and delay routine care for non‐essential issues.2 At the same time, new recommendations for the surgical management of suspected or confirmed COVID‐19 patients are being published.3


In this context, there is a need for clear guidance on how to manage patients included in the cervical cancer screening process, as well as those patients who would need an evaluation at a colposcopy clinic for outpatient surgery of the lower genital tract. Indeed, although most of these patients’ evaluations can safely be postponed, there is a significant percentage of patients who need urgent contact to exclude or confirm an oncological diagnosis either of cervical cancer or other malignancies of the lower genital tract, such as patients waiting for the result of a screening test or diagnostic biopsy. In addition, there is an urgent need for clear guidance on the safety precautions that should be adopted while performing colposcopy or outpatient surgery of the lower genital tract in suspected or confirmed COVID‐19 patients.


The present article provides an expert consensus from the Italian Society for Colposcopy and Cervico‐Vaginal Pathology (SICPCV) for: (1) the correct selection of patients that need prompt evaluation for lower genital tract pathologies; and (2) the safety procedures that must be implemented concerning the COVID‐19 emergency.


2.      Indications to Prompt Outpatient Evaluation in a Colposcopy Clinic


On March 19, 2020, the American Society for Colposcopy and Cervical Pathology published interim guidance4 recommending that in cases of low‐grade cervical cancer screening tests, diagnostic evaluation could be postponed by up to 6–12 months. In contrast, individuals with high‐grade cervical cancer screening tests should have documented attempts made to contact them and diagnostic evaluation scheduled within 3 months. Moreover, in patients with high‐grade cervical disease without suspected invasive disease, procedures should be scheduled within 3 months. Patients with suspected invasive disease should have a first contact attempted within 2 weeks followed by evaluation within 2 weeks of that contact (i.e. 4 weeks from the initial report or referral).


These recommendations are undoubtedly useful for the management of patients included in the screening programs for cervical cancer and can be adopted in different settings. However, there is a need for recommendations that also consider patients not included in the screening programs or with an urgent need for evaluation in a colposcopy clinic.


 


In the period 2015–2018, cervical screening coverage in Italy was at 79.7%; however, about 32.4% of global coverage was composed of women who underwent spontaneous screening.5 In this screening modality, the protective effect toward cervical cancer is halved compared to women who undergo organized screening (OR 0.57; 95% CI, 0.3–1.1 vs OR 0.25; 95% CI, 0.1–0.5),6 and therefore the timeliness of a second‐level assessment (e.g. colposcopy) is crucial.


At present, in Italy, most screening centers have suspended their activities, causing a fragmentation of coverage at the national level. It is, therefore, reasonable to expect an increase in the percentage of patients who will undergo spontaneous screening or who will not be screened at all, with a potential increased risk of missed or delayed cervical cancer diagnosis. A substantial effort will be required by healthcare professionals involved in cervical cancer prevention to ensure a good level of assistance.


Considering the above, we recommend that the following categories of patients also need to be evaluated in a colposcopy outpatient clinic within 2–4 weeks:


Patients with a cervical cytology result of “squamous cell carcinoma,” “atypical glandular cells, favor neoplastic (AGC‐FN),” “endocervical adenocarcinoma in situ,” or “adenocarcinoma”.7


Patients with histopathological diagnosis of suspected invasive disease from cervical or vaginal biopsy who need excisional treatment to confirm the diagnosis.


Patients with histopathological diagnosis of invasive disease after a cervical excision procedure, vaginal excision, or vulvar biopsy/excision who need contact to evaluate the clinical stage of the disease, to plan the treatment in a multidisciplinary team, or to refer the patient to a specialized center.


Patients with sudden onset of strongly suggestive symptoms for malignancies of the lower genital tract.


In addition, we also stress the importance of a diagnostic evaluation scheduled within 3 months for:


Patients with “high‐grade squamous intraepithelial lesion (HSIL),” “atypical squamous cells that cannot exclude HSIL (ASC‐H),” or “atypical glandular cells not otherwise specified (AGS‐NOS)” at cervical cytology.7


Patients with a histopathological diagnosis of high‐grade intraepithelial lesion without suspicion of invasion from a cervical biopsy (HSIL, CIN2–3), vaginal biopsy (HSIL, VAIN2–3), or a vulvar biopsy/excision (vulvar HSIL or differentiated VIN).8


Contact with patients with “positive high‐risk HPV test with normal cervical cytology,” “low‐grade squamous intraepithelial lesion (LSIL),” or “atypical squamous cells of undetermined significance (ASC‐US)” at cervical cytology7 or with a histopathological diagnosis of low‐grade intraepithelial lesion from a cervical, vaginal, or vulvar biopsy/excision8 could be postponed up to 6–12 months.


Follow‐up after treatment for high‐grade disease should not be postponed.


Patients who must complete the HPV vaccination schedule (two/three doses) can postpone administrations, provided that all doses are administered within 1 year.9


All of these recommendations must be assessed and eventually applied on a case‐by‐case basis; it is not possible to exclude that some patients may need individualized management. These recommendations are not a substitute for clinical judgment and may vary over time in relation to the trend of the pandemic spread of COVID‐19, including a return to standard management at the time when the non‐urgent evaluation may be again scheduled.


The advent of new digital imaging technologies developed to support colposcopy, which, in some cases, can effectively replace the colposcope itself (i.e. mobile or digital colposcopy),10, 11 represents an important opportunity during the COVID‐19 pandemic to share colposcopic images with reference centers, either during the examination or later by sending images or videos. This “teleconsultation” approach could be especially useful if the aim is to avoid concentrating patients in a few centers, and to perform examination with the same quality in different facilities, thus reducing the possibility of infection and spread of the virus. The digital connection could also contribute to the formation of a network between colposcopy clinics, by globally improving the quality of healthcare services. Digital colposcopy could be particularly useful in low‐income countries, where the impact of COVID‐19 is still unclear and potentially dangerous. One of the missions of SICPCV is to train colposcopists from low‐income countries. For instance, to date there is a professional collaboration with Benin and Zambia that could be implemented with digital colposcopy.


3.     Precautions for Operators During Colposcopy and Outpatient Surgery for Lower Genital Tract Disease


In the case of suspected or confirmed COVID‐19 patients, an essential safety objective during colposcopy and outpatient surgery for lower genital tract disease is to protect healthcare workers at all levels from exposure to the disease. The main potential risk during surgery for lower genital tract disease is the risk of aerosol exposure when using electrosurgical or carbon dioxide (CO2) laser instruments that can produce a large quantity of surgical smoke. Surgical smoke may contain viral particles, as reported in studies of cervical excision procedures performed by LEEP or CO2 laser, whereby HPV was found in the upper airway mucosa of the surgeons.12, 13 Other viruses, such as HIV or hepatitis B, have also been detected in surgical smoke.14-16 Even if this kind of transmission is more likely for blood‐borne viruses and that at present there are no recorded cases of vaginal secretions testing positive for COVID‐19,17 we cannot underestimate the risk of COVID‐19 infection by aerosol from surgical smoke. Therefore, all necessary safety precautions must be taken.


We recommend the following precautions/measures for outpatient surgery of the lower genital tract on suspected or confirmed COVID‐19 patients:


All patients must undergo detailed preoperative screening for COVID‐19 exposure before having access to the outpatient facility.


All patients should wear a surgical mask.


A high‐efficiency filter smoke evacuation system, directly connected to the speculum or electrosurgical handpiece, is mandatory to remove surgical smoke and aerosol and to provide satisfactory visualization during the procedure.


Electrosurgical instruments should be set at the lowest power possible and not used for long continuous periods of time to reduce the amount of surgical smoke. As far as possible, it is recommended that hemostasis is obtained without electrosurgical instruments. LEEP and CO2 laser can both be used, whereas cold‐knife surgery should not be the first choice for cervical or vaginal excision. Indeed, even if the problem of surgical smoke could be avoided with cold‐knife conization, the risk of immediate and long‐term complications would outweigh this benefit.18 Vulvar procedures (biopsies or excisions) should be done primarily with cold‐knife instruments, limiting the use of electrosurgery to what is strictly necessary.


The use of disposable devices and instruments is strongly recommended during the entire procedure. Non‐disposable devices or instruments should be kept clean during procedures and should undergo separate disinfection and proper labeling. Clinical wastes should be labeled and disposed separately.


Operator protection and personal protective equipment (PPE): perform hand hygiene before and after each procedure. Routinely use sterile fluid‐repellant surgical gloves, an underlying pair of gloves, eye protection, FFP3 mask, surgical cap, and gown. PPE must be worn and removed according to standardized procedures.


The colposcope should be protected by a disposable transparent cover, with the aim of reducing the possibility of contamination. A protective lens that must be disinfected after each use should also be applied. Finally, the use of a video colposcope, instead of a binocular support, should be preferred.


Postoperative cleaning and disinfection of the operating room should be standardized according to national and local protocols and the new COVID‐19 recommendations.


The listed procedures should be considered in addition to the standard procedures used for the safety of patients and operators, with the objectives of reducing the risk of infectious complications associated with outpatient surgery of the lower genital tract and preventing facility‐related transmission of infections between different patients.


4.     Conclusion


In conclusion, during the COVID‐19 pandemic, correct selection of patients who need an evaluation in a colposcopy outpatient clinic, which cannot be postponed, is mandatory/highly recommended. The safety of patients and operators, as well as maintaining a high level of awareness of prevention strategies and occupational protection, must be the main objectives. All necessary procedures in this regard must be undertaken.


Author Contributions


All authors contributed to the conception of the work, drafted the article, and subsequently reviewed it critically for important intellectual content. All authors provided their final approval of the version to be published and agreed to be accountable for all aspects of the work in ensuring that questions related to the accuracy or integrity of any part of the work are appropriately investigated and resolved.


Conflicts of Interest


The authors have no conflicts of interest.


References


1.       Italian Ministry of Health. Guidelines for remodeling of the deferrable planned activity during COVID‐19 emergency[in Italian]. http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pagin​eAree_5373_6_file.pdf . Accessed March 28, 2020. Google Scholar


2.       Centers for Disease Control and Prevention. Interim Guidance for Healthcare Facilities: Preparing for Community Transmission of COVID‐19 in the United States. https://www.cdc.gov/coron​aviru​s/2019-ncov/healt​hcare-facil​ities/​guida​nce-hcf.html . Accessed March 28, 2020. Google Scholar


3.       Zheng MH, Boni L, Fingerhut A. Minimally invasive surgery and the novel coronavirus outbreak: Lessons learned in China and Italy. Ann Surg. 2020 [Epub ahead of print].


Crossref - Google Scholar


4.       ASCCP. ASCCP Interim Guidance for Timing of Diagnostic and Treatment Procedures for Patients with Abnormal Cervical Screening Tests. https://www.asccp.org/covid-19 . Accessed March 28, 2020.


Google Scholar


5.       Epicentro. Coverage of cervical cancer screening in Italy [website]. https://www.epice​ntro.iss.it/passi/​dati/Scree​ningC​ervicale . Accessed March 28, 2020.


Google Scholar


6.       Arbyn M, Anttila A, Jordan J, et al. European Guidelines for Quality Assurance in Cervical Cancer Screening. Second edition–summary document. Ann Oncol. 2010; 21: 448– 458.


Crossref - CAS  - PubMed - Web of Science® - Google Scholar


7.       Nayar R, Wilbur DC. The Pap Test and Bethesda 2014: “The reports of my demise have been greatly exaggerated.” (After a quotation from Mark Twain). Acta Cytol. 2015; 59: 121– 132.


Crossref - CAS - PubMed - Web of Science®- Google Scholar


8.       Darragh TM, Colgan TJ, Cox JT, et al. The Lower Anogenital Squamous Terminology Standardization Project for HPV‐Associated Lesions: Background and consensus recommendations from the College of American Pathologists and the American Society for Colposcopy and Cervical Pathology. Arch Pathol Lab Med. 2012; 136: 1266– 1297.


Crossref-  PubMed - Web of Science®- Google Scholar


9.       World Health Organization. Human papillomavirus vaccines: WHO position paper, May 2017 ‐ Recommendations. Vaccine. 2017; 35: 5753– 5755.


Crossref -  PubMed -  Web of Science®- Google Scholar


10.   Grant BD, Quang T, Possati‐Resende JC, et al. A mobile‐phone based high‐resolution microendoscope to image cervical precancer. PLoS ONE. 2019; 14: e0211045.


Crossref -  CAS - PubMed - Web of Science®- Google Scholar


11.   Taghavi K, Banerjee D, Mandal R, et al. Colposcopy telemedicine: Live versus static swede score and accuracy in detecting CIN2+, a cross‐sectional pilot study. BMC Womens Health. 2018; 18: 89.


Crossref - PubMed - Web of Science®- Google Scholar


12.   Gloster HM, Roenigk RK. Risk of acquiring human papillomavirus from the plume produced by the carbon dioxide laser in the treatment of warts. J Am Acad Dermatol. 1995; 32: 436– 441.


Crossref - PubMed - Web of Science®- Google Scholar


13.   Zhou Q, Hu X, Zhou J, Zhao M, Zhu X, Zhu X. Human papillomavirus DNA in surgical smoke during cervical loop electrosurgical excision procedures and its impact on the surgeon. Cancer Manag Res. 2019; 11: 3643– 3654.


Crossref - CAS - PubMed - Web of Science®- Google Scholar


14.   Baggish MS, Poiesz BJ, Joret D, Williamson P, Refai A. Presence of human immunodeficiency virus DNA in laser smoke. Lasers Surg Med. 1991; 11: 197– 203.


Wiley Online Library - CAS - PubMed - Web of Science® - Google Scholar


15.   Kwak HD, Kim SH, Seo YS, Song KJ. Detecting hepatitis B virus in surgical smoke emitted during laparoscopic surgery. Occup Environ Med. 2016; 73: 857– 863.


PubMed - Web of Science®- Google Scholar


16.   Liu Y, Song Y, Hu X, Yan L, Zhu X. Awareness of surgical smoke hazards and enhancement of surgical smoke prevention among the gynecologists. J Cancer. 2019; 10: 2788– 2799.


Crossref - CAS -  PubMed - Web of Science®- Google Scholar


17.   Royal College of Obstetricians and Gynaecologists. RCOG 21 March 2020 ‐ Coronavirus (COVID‐19) Infection in Pregnancy. https://www.rcog.org.uk/globa​lasse​ts/docum​ents/guide​lines/​2020-04-03-coron​avirus-covid-19-infec​tion-in-pregn​ancy.pdf . Accessed April 4, 2020.


Google Scholar


18.   Kyrgiou M, Athanasiou A, Kalliala IE, et al. Obstetric outcomes after conservative treatment for cervical intraepithelial lesions and early invasive disease. Cochrane Database Syst Rev. 2017;(11): CD012847.


PubMed - Web of Science®- Google Scholar


COMUNICAZIONI - ARTICOLO


COMUNICAZIONI del PRESIDENTE

31 marzo 2020


In considerazione  della  emergenza sanitaria per la pandemia COVID-19  nelle strutture nelle quali le attività ambulatoriali non essenziali e le procedure elettive sono state sospese o differite secondo giudizio clinico,  la SICPCV,  propone,  in linea con le recenti raccomandazioni della ASCCP  (https://www.asccp.org/covid-19 del 19/03/2020),  e  con le linee di indirizzo Ministeriali


(Linee di indirizzo per la rimodulazione dell’attività programmata differibile corso di emergenza da COVID-19, 16/03/2020),


le seguenti  RACCOMANDAZIONI  per le attività ambulatoriali  Colposcopiche:  


1.      Soggetti con citologia di screening dubbio o di basso grado (ASCUS/L-SIL) con HPV-DNA test positivo per HR: possibile rinvio della  valutazione diagnostica a 6 mesi


2.      Soggetti con citologia di screening di alto grado (H-SIL/ASC-H) o sospetto ghiandolare (AGC): andrebbe previsto un contatto per valutazione diagnostica entro un massimo di 3 mesi


3.      Soggetti con H-SIL, confermato istologicamente, senza sospetta microinvasione: andrebbe previsto un contatto per esecuzione del  trattamento entro 3 mesi.


4.      Soggetti con sospetta patologia cervicale invasiva confermata istologicamente: andrebbe previsto un contatto entro 2-3 settimane e una valutazione non oltre 2 settimane dal contatto.


 Si ribadisce che un  HPV-DNA test cervicale positivo per HR, senza  alterazioni citologiche, non costituisce una urgenza e,  secondo le linee guida nazionali già vigenti per lo screening del cervicocarcinoma, richiede  ripetizione di Pap test ed HPV test ad 1 anno  (http://gisci.it/documenti/documenti_gisci/Raccomandazioni_test_hr-hpv_2017.pdf; https://www.gisci.it/documenti/documenti_gisci/LA_CITOLOGIA_DI_TRIAGE_NEI_PROGRAMMI_DI_SCREENING-2020.pdf ).


Si ricorda che per le donne adulte  in corso di Vaccinazione con vaccino HPV  (schedula a 3 dosi: 0, 2 e 6 mesi),  la schedula vaccinale può essere procrastinata, purchè le 3 dosi siano somministrate nell’arco di un anno


(https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it/aifa/servlet/PdfDownloadServlet?pdfFileName=footer_000737_044268_FI.pdf&retry=0&sys=m0b1l3).


Queste raccomandazioni non vanno intese come linee guida di gestione clinica,  in considerazione del fatto che alcuni soggetti con citologia alterata potrebbero richiedere valutazione caso per caso, in relazione all’età, a specifici fattori di rischio anamnestici o di sintomatologia clinica.  Va tenuto presente che queste raccomandazioni potranno variare in ragione della continua evoluzione delle condizioni delle strutture sanitarie.


Appena la pandemia COVID 19 sarà contenuta, i soggetti saranno trattati secondo le raccomandazioni attualmente in atto.                                     


Nota Bene: Queste raccomandazioni non devono mai sostituire il giudizio clinico, che resta fondamentale quando si applichino Raccomandazioni generali ad un singolo paziente. Nei Centri “COVID FREE”, in accordo con la Direzione Sanitaria/Aziendale, l'attività colposcopica può continuare secondo i criteri precedenti l'attività colposcopica.


COMUNICAZIONI


COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE

3 febbraio 2020

Carissimi soci,

è con immenso piacere e grande orgoglio che pubblichiamo sul sito della Società Italiana di Colposcopia il volontariato in Africa dell'amico e socio Francesco Sopracordevole.

Grazie da parte mia e da parte tutti i nostri Soci

 

Maggiorino Barbero 
Presidente della SICPCV

 

 


VOLONTARIATO in AFRICA


COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE

7 ottobre 2019

Carissimi soci,

si sono ormai conclusi il XXXIV Congresso Nazionale della SICPCV e per la prima volta in Italia il Congresso della E.F.C. a Roma presso la Pontificia Università “Angelicum”. Si è registrata una vasta partecipazione di colleghi italiani e questo ci ha fatto un grande onore presso il board dell'European Federation of Colposcopy. I temi trattati sono stati moltissimi e numerose anche le novità emerse durante le varie sessioni. Se sarà possibile verranno messe sul sito le slides delle varie relazioni al fine di permettere, a chi non ha potuto partecipare all'evento, un'approfondita informazione sugli argomenti esposti. Si sono svolte anche le elezioni del nuovo Direttivo che viene pubblicato di seguito. Nella speranza di poterci incontrare di persona nei prossimi eventi e di poter continuare il nostro percorso di collaborazione e di aggiornamento vi auguro ogni bene.

Cordiali saluti

 

Il Presidente SICPCV
Maggiorino Barbero

 

SOCIETA' ITALIANA DI COLPOSCOPIA E PATOLOGIA CERVICO VAGINALE

CONSIGLIO DIRETTIVO 2020-2022


Presidente
Maggiorino Barbero

Vice Presidenti
Andrea Ciavattini, Rosa Pasqualina De Vincenzo, Marco Palomba

Segretario Generale-Tesoriere
Antonio Frega


Consiglieri
Angelo Baldoni, Alberto Biamonti, Paolo Cattani, Ankica Lukic,
Giovanni Miniello, Roberto Senatori

Provibiri
Fausto Boselli, Maria Antonietta Bova, Sergio Votano,
Paolo Cristoforoni, Antonio Perino

Revisori dei Conti
A. Amadori, M. Capodanno, E. G. Sampugnaro,
J. Di Giuseppe, S. Galiberti

 

 

 


ELEZIONI DIRETTIVO


25 settembre 2019

ELEZIONI DIRETTIVO S.I.C.P.C.V. -  ROMA 2019

ELENCO CANDIDATI

 

Carica di PRESIDENTE

Candidati:

Maggiorino Barbero

CARICA di VICEPRESIDENTE

max 3 preferenze                                                       

Candidati:

Carmine Carriero
Andrea Ciavattini
Rosa Pasqualina De Vincenzo
Marco Palomba

Carica di SEGRETARIO TESORIERE
max 1 preferenza

Candidati:

Antonio Frega
Francesco Sopracordevole

Carica di CONSIGLIERE
max 6 preferenze  

Candidati:

Angelo Baldoni
Alberto Biamonti
Paolo Cattani
Maria Grazia Fallani
Barbara Gardella
Luca Giannella         
Annica Lukic
Giovanni Miniello
Massimo Origoni
Riccardo Rossi
Matilde Sansone
Roberto Senatori
Paolo Scirpa    

Carica di REVISORI DEI CONTI

max 5 preferenze

Candidati:

Andrea Amadori
Massimo Capodanno
Jacopo Di Giuseppe
Stefano Galiberti
Emanuela Gloria Sampugnaro

Carica di PROBIVIRI

max 5 preferenze

Candidati:

Fausto Boselli
Maria Antonietta Bova
Paolo Marcello Cristoforoni
Antonino Perino
Paolo Visci
Sergio Votano 

 

Il nuovo regolamento prevede che i soci, aventi diritto, possono candidarsi per le diverse cariche del Direttivo presentino la propria candidatura almeno 10 giorni prima delle elezioni.

I soci in possesso dei requisiti richiesti vengono ammessi al voto e ricevono sei schede elettorali con i nomi dei candidati.

Si possono esprimere tante preferenze quante sono le cariche per le diverse funzioni e precisamente:

 

1 per il Presidente, 3 per i Vice Presidenti, 1 per il Segretario tesoriere, 6 per i Consiglieri, 5 per i Revisori dei Conti, 5 per i Probiviri. Ogni altra indicazione rende nulla la scheda.     

    

Si ricorda infine che l'Assemblea Generale avrà luogo il 25 settembre alle ore 19.

Le operazioni di voto inizieranno dopo l' Assemblea per continuare il giorno 26 settembre 2019.


ELEZIONI DIRETTIVO


Assemblea Generale

A tutti i soci della SICPCV

 

Si comunica che  l'Assemblea Generale della SICPCV si svolgerà
 

Mercoledì 25/09/19 alle ore 19
 

presso un'Aula  della Sede del Congresso Nazionale:  Angelicum Roma

M.Barbero
Presidente SCPCV


ASSEMBLEA GENERALE SICPVC


CONSIGLIO DIRETTIVO

29 MARZO 2019


SOCIETA’ ITALIANA di COLPOSCOPIA


e PATOLOGIA CERVICO-VAGINALE


CONSIGLIO DIRETTIVO 29 MARZO 2019



Ordine del giorno:



A. Accertamento di errore materiale nella redazione dello Statuto e delibera conseguente.


Applicando nel corso del 2018 il nuovo Statuto deliberato in data  03 novembre 2017, ci si è avveduti che l’art. 8 comma 8.2. assegna a tutti gli organi elettivi dell’Associazione la durata limitata di “un quadriennio”. Poiché tuttavia l’intenzione dell’Assemblea era che tutti gli organi avessero durata triennale, come è dimostrato dagli artt. 10.2. (relativo al Consiglio Direttivo), 13.2 (relativo al Comitato Scientifico), 14.3. (relativo al Collegio dei revisori), 15.1. (relativo al Segretario tesoriere), 16.4. (relativo al Collegio dei Probiviri), il riferimento al quadriennio contenuto nel comma 8.2. deve ritenersi un lapsus calami.


Alla prima occasione in cui lo Statuto dovesse essere modificato in forma notarile, si provvederà anche alla modificazione materiale del suddetto lapsus. Sino ad allora, il Consiglio Direttivo delibera di considerare che nell’art. 8.2. sia scritto che la durata è triennale.

B. Preparazione delle prossime elezioni


Il Consiglio Direttivo, in vista delle prossime elezioni, riesamina il nuovo Statuto con particolare riferimento agli art. 12.1. e art. 9.2.


Il Presidente non ha proposte da sottoporre al Consiglio Direttivo per l’elezione del Segretario-Tesoriere.


Preso atto che spetta all’Assemblea il potere di eleggere il Presidente, i tre Vice presidenti, i membri del Consiglio direttivo, il Segretario – tesoriere, il Collegio dei Revisori dei conti, i Probiviri, delibera di procedere a tali elezioni predisponendo per l’espressione del voto segreto e per maggior chiarezza una scheda per ciascuno dei menzionati organi.  

C. Approvazione del Regolamento Elettorale:


Il Consiglio Direttivo approva il seguente regolamento elettorale:


REGOLAMENTO PER L’ELEZIONE DEGLI ORGANI


Il presente Regolamento disciplina le modalità operative relative all’elezione degli Organi; è atto conseguente alle disposizioni contenute nello Statuto approvato dall’Assemblea in data 03 novembre 2017 e registrato al n.7446 del 06 novembre 2017; non comporta alcuna modificazione delle previsioni statutarie.


Tutti gli Organi, per i quali lo Statuto prevede l’elezione, vengono eletti nel corso del primo Congresso SICPVC successivo alla scadenza del mandato del Consiglio Direttivo in carica.


Elettorato attivo. Hanno diritto di voto i Soci ordinari, già iscritti nel libro dei Soci, in regola con il pagamento delle quote associative, da almeno tre mesi precedenti la data delle elezioni per i nuovi Soci.


Il Socio che non abbia versato la quota relativamente all’anno solare precedente la data delle elezioni, sarà tenuto al versamento della stessa in assenza del quale non sarà ammesso al voto.


Il Socio che sia stato moroso per un biennio solare precedente la data delle elezioni e versi la quota per l’anno solare in cui si procede alle elezioni, sarà considerato nuovo Socio.


Elettorato passivo. Tutti i Soci Fondatori e i Soci Effettivi iscritti nel libro soci possono presentare la propria candidatura per una sola carica entro 10 giorni precedenti la data fissata per l’Assemblea così da consentirne adeguata informazione a tutti (mediante pubblicazione sul sito e/o mediante comunicazione a mezzo mail). Le candidature pervenute successivamente non potranno essere tenute in alcuna considerazione.


Modalità elettorali


Il Presidente della Associazione: indice le elezioni di tutti gli Organi elettivi convocando l’Assemblea, in seduta elettorale, se possibile per un giorno anteriore alla scadenza del Consiglio Direttivo oppure, subordinatamente, entro 20 giorni da decadenza o dimissioni dell’intero Consiglio; fissa il termine di presentazione delle candidature con anticipo di almeno 10 giorni rispetto alla data di convocazione dell’assemblea elettorale; nomina la Commissione elettorale composta dal Presidente stesso e da altri due membri del Consiglio, consultati, per l’accettazione, in ordine di anzianità decrescente. Alla convocazione del Consiglio in seduta elettorale possono essere aggiunti ulteriori punti all’ordine del giorno.


La Commissione elettorale, valutate le candidature ammissibili, ne effettua comunicazione ai candidati e predispone le schede elettorali. Viene predisposta una scheda per ciascun Organo da eleggersi e precisamente: una scheda per l’elezione del Presidente; una scheda per l’elezione dei tre Vice Presidenti; una scheda per l’elezione del Segretario -tesoriere; una scheda per l’elezione degli altri Membri del Consiglio Direttivo; una scheda per le elezioni dei Revisori dei Conti; una scheda per l’elezione del Collegio dei Probiviri.


Le schede elettorali recano l’elenco dei candidati, in ordine alfabetico del cognome, e recano, a fianco del cognome e prenome di ciascun candidato, lo spazio per l’apposizione della preferenza.  E’ ammesso che ciascun Socio Ordinario sia delegato al voto da non più di due soci effettivi non personalmente presenti; la delega deve essere rilasciata per iscritto e consegnata alla Commissione Elettorale.


Il giorno indicato per l’elezione, il Presidente, aperta la seduta, in mancanza di questioni sollevate in tema di candidature dichiara aperta la procedura per la votazione, effettua o dispone la consegna a ciascun votante di tutte le schede elettorali. La scheda elettorale cartacea è predisposta dalla Segreteria dell’Associazione, unitamente a quella per le eventuali elezioni suppletive. Il seggio resta aperto per sei ore giornaliere per almeno due giorni in una sala entro la sede del Congresso e nel corso di questo, così da favorire l’accesso ai Soci. Il voto è segreto.  


Ciascun votante esprime le preferenze, sino al numero massimo indicato per ciascun organo da eleggersi, tramite apposizione di crocetta a fianco del nome del candidato, o tramite apposizione di altro segno parimenti d’uso purché non consenta la identificazione del votante. 


La Commissione elettorale procede allo spoglio, annullando le schede che consentono la individuazione del votante, quelle che non consentono la chiara interpretazione del voto, e quelle che, comunque, contengano formulazioni estranee alla espressione del voto.


A seguito dello spoglio, la Commissione elettorale compone, per ciascun Organo, la lista dei candidati votati, in ordine decrescente, così da poter individuare chi risulta eletto. La Commissione elettorale verbalizza seduta stante i risultati delle votazioni e le comunica seduta stante all’Assemblea, che ne effettua la presa d’atto.


Nel caso in cui le preferenze espresse relativamente ai Membri del Consiglio Direttivo non consentano la elezione dei 6 membri (ulteriori rispetto al Presidente e ai tre Vicepresidenti), la Commissione elettorale indice seduta stante le elezioni suppletive per i posti liberi residui; in tal caso la scheda non è precompilata, sono esprimibili tante preferenze quanti sono i posti liberi residui; tali preferenze sono esprimibili scrivendo almeno il cognome del candidato e aggiungendo comunque il nome in caso di omonimie. Si procede, ove occorra, a ulteriori elezioni suppletive sino al completamento del Consiglio direttivo.


In caso di contestazione su uno o più operazioni della Commissione elettorale, l’Assemblea le discute e delibera su di essa anteriormente alla presa d’atto dei risultati. Le eventuali questioni circa le candidature sono sollevate e decise, in sede di Assemblea, prima della apertura della procedura per le votazioni; nel caso in cui le deliberazioni dell’Assemblea incidano sulla redazione della scheda, la Commissione elettorale provvede, seduta stante, a quanto occorra per procedere, anche con eventuale ricorso a schede sostitutive rispetto alle schede precompilate. 


 


CONSIGLIO DIRETTIVO


COMUNICAZIONI del PRESIDENTE

Maggio 2019

E’ mancato l'amico e collega Luciano Mariani.

A nome di tutti i Soci mi stringo ai familiari in questo doloroso momento.

Allego un breve ricordo da parte del dr. Cristoforoni.

Il Presidente della S.I.C.P.C.V
Dr. M. Barbero

 

Il 5 Maggio è mancato a Roma, dopo un periodo difficile combattuto e condotto con la signorilità e la forza che lo ha sempre contraddistinto, il nostro collega ed amico Luciano Mariani, lasciando in tutti noi, e nella comunità colposcopica italiana ed internazionale un grandissimo vuoto.

La sua cultura, la sua preparazione, ma soprattutto la sua disponibilità, intelligenza e capacità di spiegare e condividere anche i concetti più complessi mancheranno da ora in poi a moltissimi di noi.

Luciano è stato un ottimo professionista ed un valente ricercatore, e prima di molti altri ha saputo comprendere ed intravedere nuovi aspetti e nuove potenzialità della prevenzione oncologica. Grande esperto della biologia e degli aspetti molecolari del papillomavirus, ha intuito e realizzato una delle prime HPV Unit multidisciplinari in Europa e ha rappresentato un fondamentale punto di riferimento per moltissimi colleghi e schiere di pazienti. Alla competenza clinica e scientifica ha sempre aggiunto rare qualità personali ed umane: nonostante gli impegni, e fino all'ultimo, non ha mai mancato di rispondere con un sorriso, un abbraccio, un messaggio o una mail a chi lo cercava chiedendogli spunti, consigli o indicazioni.

È stato certamente tra i primi ginecologi in Italia a credere e ad appassionarsi alla prevenzione primaria dell'HPV, e in ambito vaccinale rappresentava una costante ed infaticabile risorsa ed un punto di riferimento ben oltre i confini della nostra specialità. Protagonista degli studi clinici più importanti in questo campo, autore di apprezzatissimi contributi nella letteratura nazionale ed internazionale, ai Convegni ed ai dibattiti era sempre pronto a sostenere con passione ed estrema competenza e limpidezza intellettuale i vantaggi e le potenzialità della vaccinazione universale. In ambito diagnostico era un fervente sostenitore dell'oggettivizzazione degli esami e della necessità di un continuo miglioramento qualitativo.

Ciao Luciano: non hai fatto in tempo a vedere realizzato quel “mondo senza HPV" che auspicavi nelle Tue lezioni, ma lasci certamente una comunità clinica e scientifica più consapevole e orientata verso la prevenzione e moltissimi colposcopisti e appassionati di patologia del basso tratto genitale che si sforzeranno di lavorare, con competenza e passione, lungo la strada da Te tracciata.

 

 


COMUNICAZIONI 


COMUNICAZIONE DEL PRESIDENTE

Gennaio 2019

Carissimi Soci,

innanzitutto un saluto e un augurio sincero a tutti Voi e alle vs. famiglie per un sereno 2019. Il XXXIII  congresso Nazionale della SICPCV (Torino novembre 2018) si è concluso con la grandissima partecipazione da parte di tutti i soci.

A voi tutti va il mio personale ringraziamento e quello dell'intero Direttivo e del Comitato Scientifico della nostra Società.

La vostra presenza, la vostra partecipazione ai dibattiti, il vostro interesse sono stati essenziali per il successo dell'evento. Tutto questo deve essere un forte stimolo, per  tutti i componenti del Direttivo, a migliorare e vivacizzare la vita della Società, consentendo , nello stesso tempo, a chiunque di voi abbia proposte, suggerimenti, iniziative, la possibilità di dare un contributo sostanziale in questa direzione.

Ricordo in sintesi quanto riportato nell'assemblea generale a Torino:

- la SICPCV è stata accreditata presso il Ministero della Salute;

- le linee guida andranno redatte secondo i parametri riportati nella legge “ Gelli”;

- il sito andrà anch'esso adeguato secondo le nuove indicazioni;

- nell'attesa di avere nuove Linee Guida secondo i dettami della nuova normativa verranno pubblicate “Le raccomandazioni della SICPCV” che erano ormai pronte per essere divulgate come linee guida già prima della legge Gelli;

- il prossimo Congresso Nazionale della SICPCV si svolgerà insieme al Congresso Europeo della EFC (per la prima volta in Italia) all'Angelicum Congress Center di Roma nei giorni 25-26-27-28 settembre 2019;

- la partecipazione italiana a questi due eventi dovrà essere imponente; l'Europa deve toccare con mano quanto la colposcopia in Italia sia diffusa e di elevatissimo livello...non siamo secondi a nessuno;

- durante il Congresso si svolgeranno le elezioni per il rinnovo del Direttivo della Società;

- il XXXV Congresso Nazionale della SICPCV si svolgerà a Cagliari nel 2020 ( sarà la prima volta che l'evento si svolge in Sardegna).

Come vedete gli impegni e gli eventi sono tanti, sarà un anno di intenso lavoro per tutti pertanto è essenziale la partecipazione di tutti i Soci, in particolar modo dei giovani che dovranno portare il loro entusiasmo e la loro voglia di progredire all'interno della Società.

Ogni mese ci sarà sul sito un aggiornamento sull'andamento dei lavori e le risposte ai vostri suggerimenti attraverso la mail riportata sempre sul sito:

segreteria.sicpcv@colposcopiaitaliana.it

Un saluto affettuoso.

M. Barbero
Presidente della SICPCV


COMUNICAZIONI


COMUNICAZIONE DEL PRESIDENTE

Luglio  2018

Carissimi Soci,

dopo un lungo periodo di silenzio per i noti, tristi e drammatici accadimenti che hanno colpito e ferito tutti noi, torniamo a riprendere la nostra attività societaria.

In primis una comunicazione doverosa: il socio, amico fraterno dr. Fausto Boselli ( Segretario- Tesoriere della Società) ha rassegnato le sue dimissioni, la sua carica è stata assegnata, ad interim, al sottoscritto fino alla fine del mandato 2019.

Il XXXIII Congresso nazionale della SICPCV e il corso avanzato precongressuale che ha sostituito il corso storico di asti si svolgeranno a Torino ( Unione Industriali) nei giorni 21- 22 -23 novembre 2018.

Sono previste comunicazioni libere che speriamo saranno numerose e presto sarà presentato il programma preliminare. Tutti i soci che organizzano corsi /  convegni e desiderano inserirli nel sito possono darne comunicazione, per ora, alla mia mail personale : barberom@tin.it che per ora è di più facile consultazione.

Nell'augurare a tutti una felice e serena estate Vi chiedo la massima collaborazione per la realizzazione di questo XXXIII Congresso Nazionale con suggerimenti, proposte e perché no critiche.

Un caro saluto a tutti con affetto.

M. Barbero
Presidente della SICPCV


COMUNICAZIONI